Il seno “naturale”

images

http://it.wikipedia.org/wiki/Jennifer_Love_Hewitt

Il desiderio della donna di migliorare la forma ed il volume del proprio seno rappresenta per i chirurghi plastici una richiesta frequente  e costante. Tuttavia negli ultimi tempi ho riscontrato nella mia attività ambulatoriale una modifica sostanziale della richiesta femminile. Le donne non si accontentano più di migliorare il proprio seno, ma “pretendono” un “seno naturale”. Questo tipo di richiesta è certamente in sintonia con l’evoluzione culturale delle giovani donne che aspirano  a migliorare il volume e la forma del proprio seno per gli stessi motivi di sempre, ovvero  una legittima aspettativa  di accrescimento della propria autostima, che  affonda le radici nella psiche della donna stessa che vive l’importanza del seno in ogni stagione della propria femminilitàpubertàsessoamoreallattamento, sia nel ruolo di partner che di madre. 

Tuttavia nel passato,  la donna esercitava questo desiderio anche in virtù di un vero e proprio riscatto sociale, contrapponendo al concetto maschilista di pudore quello femminista di libertà di essere ed apparire, sfociando talvolta in quel pizzico di esibizionismo rappresentato da “volumi esagerati” e “forme impossibili”, ottenute da protesi abbondanti, impiantate da chirurghi compiacenti oltre ogni canone di armonia e bellezza.

Le nuove generazioni certamente non disdegnano un seno pieno e voluminoso, ma chiedono solitamente che “non sembri finto”, ovvero vogliono un “seno più naturale”.  Ovviamente un risultato più naturale, aderente alle richieste della donna, può essere conseguito sia mediante l’impianto di protesi mammarie anatomiche, che mediante il lipofilling o lipostruttura mammaria.

Nella mia esperienza la richiesta del lipofilling sta aumentando vertiginosamente, in quanto, nonostante non possa sempre assicurare il risultato definitivo per mezzo di un solo intervento, necessitando spesso di un secondo ritocco a distanza di 3 mesi circa, presenta molteplici vantaggi che giustificano la filosofia “naturale” della mastoplastica additiva:

Non lascia cicatrici nella zona di prelievo del tessuto adiposo e nella zona mammaria ricevente

Non prevede alcuna manovra chirurgica cruenta, consentendo una rapidissima dimissione dal reparto di degenza

Associa al rimodellamento del seno un secondo intervento a valenza estetica, la liposuzione di cosce e addome

La forma del seno sarà assolutamente naturale perchè con la sapiente distribuzione sottocutanea del tessuto adiposo da parte di mani esperte, si potrà conseguire una forma ideale perfettamente compatibile con il torace della paziente, a differenza delle protesi mammarie che donano al torace una forma preconfezionata. Il lipofilling trasforma il chirurgo plastico in un vero e proprio “scultore” dei tessuti.

E la forma del seno sarà talmente naturale da risultare  altresì impossibile per chiunque intuire un pregresso intervento di mammoplastica additiva.

Infine, grazie al lipofilling, la donna ritroverà anche un maggiore benessere interiore che le proviene dalla percezione tattile di una consistenza “naturale” dei propri tessuti mammari, percepita anche dal partner nella sfera dell’intimità.

Per tutti questi motivi  la tecnica del lipofilling o lipostruttura dona alla donna un seno “naturale”.

Inoltre, anche nei casi in cui la lipostruttura mammaria necessiti di 2 tempi, il costo di ogni singolo intervento ammonta a circa la metà rispetto la mamoplastica protesica, in quanto non gravata dai costi delle protesi mamarie, per cui il costo globale del trattamento è di fatto lo stesso.

 

Cosa pensi della possibilità di incrementare la tua autostima mediante un “seno naturale” in armonia con il tuo corpo?

Hai mai considerato l’idea di migliorare il tuo seno utilizzando il tuo grasso in eccesso presente sui fianchi, cosce e addome?

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


  • Informativa sulla privacy
    AI SENSI DELL'ART.13 D.LGS 196/2003 si informa che i dati che ci verranno forniti tramite la compilazione di questo form saranno trattati dal Prof.Michele Riccio per pubblicare i vostri commenti. I dati potranno essere trattati con strumenti elettronici e cartacei, nel rispetto del Disciplinare Tecnico in materia di sicurezza Allegato B al D.Lgs 196/2003.Si comunica che i suoi dati saranno trattati solamente con il suo consenso che è libero e facoltativo. Il mancato consenso comporterà l'impossibilità di pubblicare i vostri commenti. Il Professore svolge il trattamento direttamente, tramite soggetti appartenenti alla propria organizzazione, o avvalendosi di soggetti esterni per la realizzazione delle finalità precedentemente indicate. Tali soggetti tratteranno i suoi dati conformemente alle istruzioni ricevute in qualità di responsabili outsourcing o incaricati. L'elenco completo dei predetti soggetti può essere richiesto direttamente al Prof. Michele Riccio con sede in Pesaro Strada in Sala 186, che è il titolare del trattamento. I suoi dati non saranno oggetto di diffusione e saranno conservati solamente per il tempo strettamente necessario alla realizzazione delle finalità precedentemente esposte. Come interessato Lei ha diritto in qualsiasi momento di esercitare i diritti di cui all'art.7 del D.Lgs 196/2003 indirizzando la relativa richiesta al Titolare del Trattamento che è Prof. Michele Riccio con sede in Pesaro Strada in Sala 186.